Pubblicato il Lascia un commento

Fotovoltaico: tutti gli incentivi per le famiglie a cui è possibile accedere

I pannelli fotovoltaici sono uno degli strumenti più importanti per contrastare la crisi climatica e
per questo sono soggetti a numerosi incentivi governativi.

Vediamo di seguito a quali incentivi è possibile accedere, come funzionano e chi può beneficiarne.

Negli ultimi anni diversi Paesi europei, Italia Inclusa, hanno investito sulle energie rinnovabili come strumento
per contrastare il cambiamento climatico.

In questo senso, particolare rilevanza hanno ottenuto gli incentivi sull’impianto fotovoltaico, in quanto questa forma rinnovabile è facilmente utilizzabile anche nell’ambito domestico, permettendo alle singole persone di ridurre i consumi e annullare l’impatto sull’ambiente.

Per un risparmio maggiore è bene scegliere il fornitore più adatto alle proprie esigenze di consumo; basterà fare una
autolettura gas e luce per capire i propri consumi effettivi.

Per una scelta più consapevole è possibile aiutarsi con le recensioni e comparazioni sui diversi fornitori che possiamo trovare online.
Scegliendo anche un operatore adatto per la propria connessione e quindi una vantaggiosa offerta fibra il risparmio in bolletta sarà chiaramente maggiore.
Inoltre queste detrazioni fiscali per pannelli fotovoltaici sono state confermate sempre più spesso anche grazie ai fondi
europei e mondiali che puntano a uno stile di vita più ecologico della popolazione.

Nel corso del 2022 il Governo ha messo a disposizione dei cittadini importanti incentivi fiscali e bonus che consentono di rientrare nella spesa per il fotovoltaico in tempi ancora più brevi.

In particolare, per installare un impianto fotovoltaico è possibile accedere a due diversi tipi di incentivi: il Bonus Ristrutturazione e il Superbonus. Vediamoli:


Incentivi fotovoltaico 2022 tramite Bonus Ristrutturazione 50%
Chi ha intenzione di installare pannelli solari e desidera beneficiare di incentivi per il fotovoltaico può avvalersi
del Bonus Ristrutturazione 50% che copre sia la fornitura che l’installazione di pannelli solari, per un totale
massimo di spesa che non può superare i 96.000 euro (sia per singola unità abitativa che per condomini).
L’agevolazione è prevista fino a tutto il 2024 e dà diritto ad una detrazione Irpef del 50% in 10 anni.
Tale incentivo copre, oltre all’installazione dei pannelli solari, anche i costi di manodopera, progettazione,
perizie e sopralluoghi, IVA, imposta di bollo e autorizzazioni.
A chi spetta il Bonus Ristrutturazione 50%?
Può richiedere l’agevolazione il proprietario dell’immobile o chi abbia intestato le forniture dell’energia elettrica.
Per poter usufruire dell’incentivo deve essere comunicata all’Enea la fine dei lavori entro 90 giorni, indicando la
quota spesa e le caratteristiche dell’impianto.

Per ottenere il Bonus Ristrutturazione Fotovoltaico sono ammesse le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2024.

Incentivi fotovoltaico 2022 tramite Superbonus 110%

Un altro modo per ottenere le agevolazioni relative agli impianti fotovoltaici è attraverso il Superbonus 110%
che può essere utilizzato anche per i sistemi di accumulo di energia.
Per poter usufruire di questo incentivo è necessario migliorare la certificazione energetica APE della struttura in
cui si vuole investire di almeno due classi energetiche.
I pannelli solari dovranno essere collegati ai lavori trainanti ed il fotovoltaico dovrà essere inserito tra i lavori
trainati.

SOGGETTISCADENZA
Condomini ed edifici plurifamiliari31/12/2025
(fino a tutto il 2023 con percentuale 110%, per il 2024 70%, per il 2025 65% – per le zone terremotate la percentuale resta il 110% fino al 31/12/2025)
Persone fisiche unico proprietario o stessi comproprietari fino a 4 unità31/12/2025
(fino a tutto il 2023 con percentuale 110%, per il 2024 70%, per il 2025 65% – per le zone terremotate la percentuale resta il 110% fino al 31/12/2025)
Persone fisiche su unifamiliari o unità funzionalmente autonome30/06/2022
Estensione al 31/12/2022 se al 30/09/2022 eseguiti lavori ≥ 30%
(per le zone terremotate il beneficio resta fino al 31/12/2025, con aliquota al 110%)
IACP e istituti similari, Cooperative edilizie a proprietà indivisa30/06/2023 (vedi nota * riportata sopra)
Estensione al 31/12/2023 se al 30/06/2023 eseguiti lavori ≥ 60%
(per le zone terremotate il beneficio resta fino al 31/12/2025, con aliquota al 110%)
Onlus, Associazioni di volontariato, Associazioni di promoziona sociale31/12/2025
(fino a tutto il 2023 con percentuale 110%, per il 2024 70%, per il 2025 65% – per le zone terremotate la percentuale resta il 110% fino al 31/12/2025)

Articolo pubblicato in collaborazione con SELECTRA